Ultima modifica: 11 marzo 2017

monitoraggio PNSD 2016/2017

Monitoraggio del 

Piano Nazionale per la Scuola Digitale

2016/2017 

Il piano triennale dell’animatore digitale (AD)

L’Animatore Digitale coordina la diffusione dell’innovazione a scuola e le attività del PNSD, ivi comprese quelle previste nel Piano triennale dell’offerta formativa di Istituto.
Si tratta, quindi, di una figura di sistema e non di un supporto tecnico.

Il suo profilo (cfr. azione #28 del PNSD) è rivolto a:

FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l’organizzazione di laboratori formativi favorendo l’animazione e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative, come ad esempio quelle organizzate attraverso gli snodi formativi.

COINVOLGIMENTO DELLA COMUNITA’ SCOLASTICA: favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di workshop e altre attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa.

CREAZIONE DI SOLUZIONI INNOVATIVE: individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; un laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure.

In relazione a quanto programmato nel documento approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d’ Istituto del 15.01.2016, si riportano le seguenti azioni già attuate, in via di attuazione e non ancora intraprese.

Prima annualità 2016/2017

Ambito: Formazione interna

azione

conclusa

in itinere

da avviare

rendere pubblico il PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE con la pubblicazione sul sito internet dell’Istituto e promozione di un incontro nel quale dibattere i pro e i contro del documento, secondo le metodologie della divulgazione scientifica, volta a illustrarne i dettagli e a criticarne, se necessario, gli approcci. Questa fase sarà svolta nel mese di gennaio 2016 mediante incontri in presenza e/o form/questionari cartacei e/o online.

x

ricognizione puntuale di tutte le “buone pratiche didattiche” (digitali e non) che nell’ istituto vengono già attuate da tradurre in un documento ufficiale che sia a disposizione di docenti, alunni e famiglie al fine di rendere pubbliche pratiche efficaci che non sempre sono all’attenzione dell’intero collegio dei docenti

x

definire quali metodologie innovative perseguire con le tecnologie (ma non solo) nei prossimi tre anni. Sarà indispensabile integrare il curricolo verticale con le competenze, potenziando a livello trasversale la didattica per problemi (problem solving o problem posing).

x

Formazione sulle metodologie e sull’uso degli ambienti per la Didattica digitale integrata.

x

Conclusioni sui primi interventi ed approcci. In particolare, sul grado di partecipazione in seno alla fase di ricognizione e alla fase di intervento, mediante la compilazione di questionari ad hoc.

x

 

Ambito: Coinvolgimento della comunità scolastica

azione

conclusa

in itinere

da avviare

Utilizzo di un Cloud d’Istituto per la condivisione di attività e la diffusione delle buone pratiche

x

Seminari sull’utilizzo del libro digitale rivolte soprattutto alle famiglie, con particolare attenzione agli alunni con BES

x

Partecipazione nell’ambito del progetto “Programma il futuro” all’Ora del Codice della scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado

x

Coordinamento con le figure di sistema e con gli operatori tecnici

x

Creazione di un nuovo sito internet della scuola, all’interno del nostro  dominio .gov, nel quale saranno poste in evidenza anche le priorità del PNSD.

x

 

Ambito: Creazione di soluzioni innovative

azione

conclusa

in itinere

da avviare

Utilizzo di un Cloud d’Istituto per la condivisione di attività e la diffusione delle buone pratiche

x

Seminari sull’utilizzo del libro digitale rivolte soprattutto alle famiglie, con particolare attenzione agli alunni con BES

x

Partecipazione nell’ambito del progetto “Programma il futuro” all’Ora del Codice della scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado

x

Coordinamento con le figure di sistema e con gli operatori tecnici

x

Creazione di un nuovo sito internet della scuola, all’interno del nostro  dominio .gov, nel quale saranno poste in evidenza anche le priorità del PNSD.

x

 

 

 

Nell ‘Ambito della formazione è stata intrapresa un’azione non prevista nel piano: la partecipazione al progetto Erasmus Plus per la formazione degli animatori digitali all’estero nelle ICT skills.

Rispetto al Piano presentato, sono state anticipate alcune azioni per necessità e opportunità.

  • Sperimentazione e diffusione di metodologie e processi di didattica attiva e collaborativa (avviata la sperimentazione)
  • Partecipazione a bandi nazionali ed internazionali (Bando Atelier creativi e Biblioteche scolastiche innovative)
  • Realizzazione di ambienti di apprendimento per la didattica digitale integrata (allestimento dell’atelier)
  • Implementazione dell’utilizzo di archivi cloud. (attivazione delle GSuite for Education sul dominio .gov)
  • Implementazione del sito internet della scuola.
  • Creazione di reti e consorzi sul territorio, a livello nazionale e internazionale 
  • Creazione di aule 2.0 e 3.0 (atelier creativo)